Coronavirus di Wuhan

Scritto da Ronald St. John

24 gennaio 2020

Salute | Viaggi

**Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso un avviso di livello 4 (massimo). sui viaggi in Cina**

AGGIORNAMENTI: Consultate il nostro tracker del Coronavirus per un riepilogo costantemente aggiornato degli eventi, man mano che la situazione si evolve.

Il 31 dicembre 2019, la Commissione sanitaria di Wuhan ha segnalato casi di polmonite inspiegabile nella città di Wuhan (Cina). I pazienti avevano febbre alta, alcuni avevano difficoltà a respirare e le radiografie del torace mostravano segni di polmonite grave in entrambi i polmoni. I test rapidi per le cause comuni di polmonite (ad esempio, influenza, virus respiratori, ecc.) erano tutti negativi. Ancora una volta, le autorità sanitarie locali erano alle prese con un'epidemia di un virus sconosciuto che causava una grave polmonite. Le indagini di laboratorio hanno rapidamente identificato un nuovo Coronavirus, temporaneamente chiamato 2019-nCoV, che sembra provenire da una fonte animale. Si sospetta che questo virus sia passato agli esseri umani che hanno visitato la zona. Il mercato all'ingrosso dei frutti di mare di Hua Nan, nella città di Wuhan, dove vengono macellati gli animali selvatici. Tl numero di persone infettate da questo virus è cresciuto rapidamente in soli 10 giorni, passando dagli iniziali 41 pazienti ad oltre 500. Anche il numero di decessi è aumentato da 3 a 17.

L'OMS dichiara l'emergenza sanitaria

Il 30 gennaio 2020, l'OMS ha dichiarato l'epidemia di Coronavirus Novel un'emergenza di salute pubblica di portata internazionale.

Che cosa significa in realtà? Secondo l'OMS:

Il termine "Emergenza sanitaria di rilevanza internazionale" è definito dall'IHR (2005) come "un evento straordinario che è determinato, come previsto dal presente Regolamento":

costituisce un rischio per la salute pubblica di altri Stati attraverso la diffusione internazionale della malattia; e

Potenzialmente richiede una risposta internazionale coordinata". Questa definizione implica una situazione che: è grave, insolita o inaspettata; comporta implicazioni per la salute pubblica al di là del confine nazionale dello Stato colpito; e può richiedere un'azione internazionale immediata".

Sintomi

Sintomi e complicazioni del coronavirus di WuhanIl virus causa un'infezione respiratoria la cui gravità varia da sintomi lievi tipici del comune raffreddore (febbre, naso che cola, tosse) a polmonite grave, difficoltà respiratorie e talvolta morte. Le persone anziane, soprattutto quelle con condizioni mediche preesistenti (diabete, ipertensione, malattie cardiache) sono più a rischio di sviluppare una malattia grave.

Come si diffonde

Voli diretti da Wuhan per gentile concessione di flightconnections.com

Inizialmente si pensa che il virus abbia infettato le persone che lavoravano o visitavano la Hua Nan Seafood Wholesale Market, dove vengono macellati gli animali vivi nella città di Wuhan. Tuttavia, la rapida diffusione del virus ha confermato che si sta verificando una diffusione da persona a persona. La diffusione da persona a persona avviene attraverso il contatto ravvicinato con persone malate che generano aerosol del virus attraverso tosse e starnuti. Il virus sospeso nell'aria viene poi inalato da una persona sana. 

Questa epidemia è peggiore di altre?

Al momento è difficile dirlo. La gravità di un'epidemia si riduce alla velocità con cui si diffonde e ai danni che provoca. Per esempio, i tassi di mortalità, il sovraccarico degli ospedali da parte dei malati, la cancellazione di conferenze, la perdita di affari delle compagnie aeree e così via. Per semplicità, concentriamoci sulla diffusione e sui tassi di mortalità.

Dobbiamo considerare altre due epidemie di coronavirus. L'epidemia di sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) sta continuando in Arabia Saudita, ma solo casi sporadici si sono verificati in alcuni altri Paesi del Medio Oriente. Tuttavia, il virus MERS ha un alto tasso di mortalità, pari a circa 35%. D'altra parte, l'epidemia di SARS (Sindrome respiratoria acuta grave) si è diffusa in molti Paesi, ma non è stata molto efficiente nella diffusione da persona a persona e la maggior parte della trasmissione è avvenuta in ambienti sanitari. In questa epidemia, anche se il virus non si è diffuso in modo efficiente, è arrivato in altri Paesi perché all'epoca c'era una mancanza di consapevolezza. Il tasso di mortalità per la SARS è stato di circa 14%.

Questa corrente L'epidemia è dinamica e si evolve molto rapidamente. È difficile prevedere se diventerà una pandemia mondiale, ma questa possibilità esiste. Molto dipenderà dal fatto che i viaggiatori internazionali infetti generino o meno casi secondari nei loro Paesi d'origine. 

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) calcola una statistica chiamata "R0". È un indicatore della velocità con cui un virus può diffondersi da persona a persona. Se R0 è uguale a 1, allora solo un'altra persona sarà infettata e l'epidemia non si raggrupperà. Se R0 è inferiore a 1, la persona non infetta nessuno e l'epidemia si estingue. Tuttavia, se R0 è maggiore di 1, l'epidemia crescerà.

Per questo coronavirus, l'R0 è attualmente stimato a 1,4-2,5, il che significa che l'epidemia potrebbe crescere a un tasso esponenziale, ovvero che 1 persona ne infetta 2, poi 2 ne infettano 4, ecc.

Inoltre, il tasso di mortalità è attualmente di 2-4%, ma questo numero si basa sui casi attualmente segnalati. Detto questo, potrebbero esserci molte più persone portatrici della malattia con sintomi lievi che potrebbero non rivolgersi al medico e quindi essere registrate. In tal caso, il tasso di mortalità potrebbe essere molto inferiore. Al momento è meglio dire che i funzionari della sanità pubblica non lo sanno ancora.

Come si può notare, il rapido cambiamento di questa epidemia, unito al numero di incognite, rende difficile dire oggi se questa epidemia sia peggiore di altre.

Aree ad alto rischio attuali

È evidente che i mercati di animali della città di Wuhan sono luoghi ad alto rischio. Tuttavia, l'entità della diffusione del virus non è ben definita, poiché probabilmente nella città di Wuhan e nella provincia di Hubei c'è un numero imprecisato di persone che potrebbero incubare la malattia prima di ammalarsi. Non si sa inoltre se i singoli casi identificati in altri Paesi daranno il via a mini focolai dove si trovano. Date le numerose incertezze, è opportuno evitare di recarsi a Wuhan, Huanggang, Ezhou e Chiba, nella provincia di Hubei, poiché queste città sono chiuse ai viaggi al di fuori di esse.

Misure di salute pubblica

L'OMS e molti altri Paesi, ad esempio il Regno Unito e gli Stati Uniti, raccomandano restrizioni ai viaggi internazionali, consigliando ai loro cittadini di evitare viaggi non necessari in Cina.

Molti aeroporti internazionali in molti Paesi hanno avviato misure per controllare i passeggeri in arrivo sui voli diretti da Wuhan o indiretti dalla Cina per individuare le persone malate. Queste misure variano da luogo a luogo, ma spesso comportano l'uso di scanner per individuare le persone febbricitanti e la richiesta di compilare questionari. Queste misure aggiuntive possono causare ritardi in alcuni aeroporti.

Sebbene i passeggeri malati possano essere individuati attraverso queste misure, esse presentano alcune limitazioni in quanto non individuano una persona senza sintomi che sta incubando il virus e che si ammalerà in un secondo momento.

Come ci si può proteggere?

Innanzitutto, evitare le aree ad alto rischio. In attesa di maggiori dettagli, l'OMS, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e altri Paesi hanno emesso i seguenti consigli generali per i viaggiatori, al fine di ridurre il rischio di infezione da questo virus durante i viaggi nelle o dalle aree colpite (attualmente la città di Wuhan): 

  • Evitare il contatto ravvicinato con persone affette da infezioni respiratorie acute;
  • Lavarsi le mani frequentemente, soprattutto dopo il contatto diretto con persone malate o con l'ambiente circostante; utilizzare acqua e sapone per almeno 20 secondi o un disinfettante per mani a base di alcol se acqua e sapone non sono disponibili.
  • Evitare il contatto ravvicinato con animali vivi o morti, di allevamento o selvatici, e con prodotti provenienti da animali (come la carne non cotta);
  • I viaggiatori con sintomi di infezione respiratoria acuta devono seguire il galateo della tosse (mantenere le distanze, coprire tosse e starnuti con fazzoletti o indumenti monouso e lavarsi le mani);
  • I viaggiatori più anziani e quelli con problemi di salute di base possono essere a rischio di malattie più gravi e dovrebbero discutere del viaggio a Wuhan con il proprio operatore sanitario.
  • Rivolgersi immediatamente a un medico se i sintomi si manifestano dopo aver visitato la città di Wuhan.

E le maschere? 

Ci sono immagini di molte persone che indossano mascherine chirurgiche, quelle che si pensano quando si immagina un medico che indossa una mascherina. Vi proteggeranno dall'infezione di questo virus respiratorio? È improbabile. Le dimensioni del virus sono così piccole che può essere facilmente inalato attraverso i pori delle comuni mascherine chirurgiche.

Detto questo, se siete già malati, una mascherina chirurgica vi aiuterà a evitare di trasmettere la malattia ad altri quando tossite e starnutite, perché in questo caso la mascherina vi impedisce di spruzzare il virus nell'aria. 

Quindi, quale tipo di maschera vi aiuterà a proteggervi se non siete malati?

Per una buona protezione, può essere molto efficace una maschera speciale chiamata N-95, che ha pori molto piccoli. Tuttavia, la maschera deve essere adattata all'utente da una persona ben addestrata che ne conosca l'uso. In altre parole, non è molto pratica per l'uso di massa.

 

 

E adesso?

Prima o poi, da qualche parte, ci sarà un'altra pandemia globale e ci troveremo in una corsa contro il tempo in cui ogni secondo conterà per cercare di contenere l'impatto. Nelle prossime settimane e mesi scopriremo se questa nuova epidemia avrà conseguenze devastanti. Per un riepilogo sempre aggiornato degli eventi, consultare l'altra pagina per conoscere l'evolversi della situazione.

 

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Organizzare un viaggio estivo in Italia con la nostra guida

Organizzare un viaggio estivo in Italia con la nostra guida

Avete notato anche voi un vortice di girovaghi che si dirigono verso l'Italia? La cosa non vi incuriosisce? Sicuramente sarà la prima stagione, ma potrebbe esserci dell'altro? Questo è il segnale per fare le valigie e tuffarsi nel mondo delle spiagge,...

Haiti - Sul filo del rasoio

Haiti - Sul filo del rasoio

Il 15 maggio 2023, il Segretario Generale delle Nazioni Unite (ONU) António Guterres ha chiesto l'intervento della comunità internazionale, avvertendo che la tragica situazione di Haiti sta mettendo a repentaglio la sicurezza dei Caraibi e...