Inondazioni a causa di GABRIELLE in Nuova Zelanda

Scritto da Nikhitha Kumar

22 febbraio 2023

Sicurezza e viaggi

Il ciclone GABRIELLE ha colpito la Nuova Zelanda dopo settimane di piogge ininterrotte. Il 27 gennaio, forti piogge e inondazioni hanno colpito molte parti dell'Isola del Nord, colpendo gravemente Auckland. Il 29 gennaio, le operazioni di volo nazionali e internazionali sono state sospese all'aeroporto di Auckland a causa dell'allagamento dell'edificio.

Il tempo instabile è continuato fino all'inizio di febbraio. Gli abitanti delle aree a rischio di inondazioni sono stati costretti a evacuare le loro case. Le frane e le inondazioni hanno causato la morte di quattro persone. È stato dichiarato lo stato di emergenza locale ad Auckland, nel distretto di Waitomo, nel Northland e nel distretto di Thames-Coromandel. Tuttavia, le ordinanze sono state successivamente revocate a Waitomo e Northland. L'emergenza è stata dichiarata per gestire rischi come smottamenti e inondazioni causati dalle intense precipitazioni.

Molte strade e autostrade, tra cui la SH25A a Thames-Coromandel, sono state chiuse a causa delle inondazioni e della congestione del traffico. Giorni dopo che queste inondazioni senza precedenti hanno devastato il Paese, il ciclone GABRIELLE ha causato ulteriori disagi, ostacolando gli sforzi di recupero!  

GABRIELLE è considerato il peggior disastro che abbia colpito la Nuova Zelanda in questo secolo, causando gravi danni in tutto il Paese. Il 12 febbraio il ciclone ha colpito la parte superiore dell'Isola del Nord, portando forti piogge e venti dannosi fino al 14 febbraio nel Northland, Auckland, Penisola di Coromandel, Bay of Plenty, Gisborne, Hawke's Bay, Wairarapa, Taranaki, Whanganui, Wellington e Marlborough. Raffiche di vento di almeno 130-140 chilometri orari e precipitazioni di 300-400 millimetri o più hanno colpito la regione. I residenti delle zone basse delle regioni costiere sono stati evacuati. 

In molte aree sono stati dichiarati stati di emergenza localizzati. Il 9 febbraio, Auckland e Coromandel hanno esteso la loro dichiarazione di stato di emergenza esistente, mentre il 12 febbraio è stato dichiarato lo stato di emergenza preventivo nel Northland. Il 13 febbraio l'ordine è stato emesso anche nei distretti di Gisborne, Bay of Plenty, Waikato, Ōpōtiki, Whakatāne e Hauraki. Il 14 febbraio, Hawke's Bay ha dichiarato lo stato di emergenza regionale e i distretti di Napier, Hastings e Tararua hanno annunciato lo stato di emergenza locale. Più tardi, quello stesso giorno, per la terza volta nella sua storia, è stato dichiarato lo Stato di emergenza nazionale in Nuova Zelanda. 

Le operazioni di volo nazionali e internazionali sono state sospese all'aeroporto di Auckland e oltre 821 voli sono stati cancellati da Air New Zealand a causa del forte vento. Le operazioni di volo sono riprese gradualmente nel Paese il 15 febbraio. 

Il ciclone GABRIELLE ha causato danni ingenti all'Isola del Nord e sono in corso le operazioni di soccorso. L'esercito e i servizi di emergenza hanno utilizzato gli elicotteri per portare i rifornimenti vitali nelle aree che sono state tagliate fuori. Ci sono interruzioni di corrente e danni alle strade e ai sistemi di comunicazione. Il 18 febbraio, circa 62.000 case in tutto il Paese erano senza elettricità. È stato comunicato che potrebbero essere necessarie diverse settimane per ripristinare l'energia elettrica in queste aree. Il 19 febbraio si erano già registrate 11 vittime e migliaia di persone risultavano ancora disperse.

Si teme che possano esserci altri morti. Si prevede anche una carenza di cibo e acqua a causa del ciclone. Il primo ministro Hipkins ha dichiarato che la Nuova Zelanda sta valutando le offerte di aiuto degli Stati Uniti e di altre nazioni, dopo averle inizialmente rifiutate. 

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

A Guide to the Opening Ceremony of the Paris 2024 Olympics

A Guide to the Opening Ceremony of the Paris 2024 Olympics

The 2024 Olympic and Paralympic Games will be held in Paris, France from 26 July to 11 August 2024. Paris’ iconic landmarks have been transformed into sporting arenas to offer spectators an unparalleled experience and provide an outstanding backdrop for sporting...

Discover Paris Off the Beaten Path: Unveiling Hidden Gems

Discover Paris Off the Beaten Path: Unveiling Hidden Gems

When people think of Paris, iconic images like the Eiffel Tower, Louvre Museum, and Notre-Dame Cathedral often come to mind. While these landmarks are undoubtedly impressive, there's a lesser-known side to the City of Light that unveils its true charm and character....