Cosa devono sapere i viaggiatori su Zika

Scritto da Ronald St. John

29 gennaio 2016

Salute | Viaggi

Cosa devono sapere i viaggiatori su Zika

Un virus poco conosciuto, chiamato Zika virus o ZIKV, sta causando molte preoccupazioni e sta ricevendo improvvisamente molta attenzione da parte dei media. Ecco cosa devono sapere i viaggiatori sul virus Zika, quanto può farvi ammalare e come proteggervi.

Zika non è un nuovo virus

Lo ZIKV non è un virus nuovo: è stato trovato per la prima volta in Uganda nel 1947. Si è diffuso lentamente per decenni, prima in Africa (Nigeria 1960), poi, nel 1966, è stato confermato il primo caso nel Sud-Est asiatico. Alla fine degli anni '70, c'erano persone infette in Pakistan, India, Malesia e Indonesia. Da allora il virus, veicolato dalle zanzare o dalle persone infette, ha iniziato ad attraversare il Pacifico, con focolai a Yap, in Micronesia, nel 2007. Nel 2013 ha colpito la Polinesia francese, con un'enorme epidemia di 35.000 casi.

All'inizio del 2015 ha raggiunto il Brasile e ha iniziato un'epidemia nella parte nord-orientale del Paese. In Brasile, il tipo di zanzara adatto a ospitare questo virus è estremamente comune, come in quasi tutti i Paesi dell'emisfero occidentale, ad eccezione di Canada e Cile. Improvvisamente il virus ha trovato quello che gli serviva: la zanzara giusta e una popolazione suscettibile che non era mai stata esposta in modo significativo a questo virus. E poi i viaggiatori infettati dal virus hanno cominciato a comparire nei Paesi vicini, come la Colombia e il Venezuela. Le persone infette hanno inavvertitamente trasportato il virus in altri Paesi delle Americhe (più di 20) e oltre.tutto in meno di un anno dalla sua prima apparizione in Brasile.

Quanto vi fa ammalare?

A rendere ancora più complessa la situazione, circa l'80% delle persone infette non si ammala affatto e non avverte alcun sintomo. Il restante 20 percento presenta in genere una lieve malattia simil-influenzale senza gravi complicazioni. Con alcune rare eccezioni, il virus si diffonde solo attraverso la puntura di una zanzara infetta. Almeno questa è l'esperienza medica accettata. Non esiste un vaccino per questo virus né un trattamento specifico.

ECCETTO...

Le prove suggeriscono che è collegato alla microcefalia

Ora ci sono sempre più prove scientifiche che questo virus potrebbe essere la causa di un grave difetto congenito nei neonati chiamato microcefalia (testa piccola a causa del mancato sviluppo del cervello). Per stabilire se si tratta di una causa o meno è necessario saperne di più, dal momento che ci sono altre cose e altre infezioni che possono causare questa condizione. Ma quello che si sa finora è che:

  1. L'aumento del numero di casi di microcefalia in Brasile, da una media di circa 150 casi all'anno a quasi 4.000 casi dall'arrivo del virus, coincide con la rapida diffusione del virus nella popolazione generale.
  2. La concentrazione di casi di microcefalia coincide con la massima concentrazione di persone infettate dal virus Zika.
  3. Il virus è stato recuperato da madri che hanno dato alla luce bambini con microcefalia e da bambini morti con questa condizione.
  4. In nessun altro Paese in cui il virus si sta diffondendo è stato registrato un aumento della microcefalia.... . . ancora.

Tuttavia, alcune di queste associazioni potrebbero essere solo casuali. Studi più definitivi attualmente in corso in Brasile forniranno prove più solide entro la tarda primavera o l'inizio dell'autunno.

Che cosa possono fare i viaggiatori per Zika?

Quindi cosa si può fare, quando alcuni paesi in cui si sta diffondendo Zika sono che dice alle donne di non rimanere incinte per un periodo fino a 2 anni? Si tratta di una reazione piuttosto drastica. Ci sono altre alternative, come prendere serie precauzioni per evitare le punture di zanzara. Assicuratevi di usare i vostri repellenti per zanzare e, a seconda del luogo in cui vi trovate, magari una zanzariera quando dormite. Per il momento, l'Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia alle donne che potrebbero essere incinte e che hanno in programma di viaggiare nei Paesi in cui si sta diffondendo il virus Zika di consultare il proprio medico prima e dopo il viaggio. Tuttavia, molti medici semplicemente non sanno cosa sta succedendo nel Paese che si intende visitare. Pertanto, in attesa che l'OMS fornisca raccomandazioni più specifiche, Sitata raccomanda che, come misura precauzionale, le donne che si trovano nel primo trimestre di gravidanza possano desiderare di rinviare i viaggi nei paesi colpiti.

Ultimo aggiornamento 2016-01-29

Questi includono:

In Sud America:

Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Guyana Francese, Guyana, Honduras, Messico, Panama, Paraguay, Suriname e Venezuela.

Nei Caraibi:

Barbados, Guadalupa, Haiti, Martinica, Saint Martin, Repubblica Dominicana, Isole Vergini americane e Porto Rico.

Altrove:

Samoa e Capo Verde

Immagini per gentile concessione di www.nytimes.com e OMS

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Nine Most Common Scams in Paris and Tips to Avoid  Them

Nine Most Common Scams in Paris and Tips to Avoid Them

Paris attracts millions of tourists each year, thanks to its romantic ambiance, magnificent landmarks, and rich history. Unfortunately, like many other tourist spots, the city’s popularity also makes it a hub for various scams that target innocent visitors. These...

Hop on the RER: Explore Paris Like a Pro with This Easy Guide

Hop on the RER: Explore Paris Like a Pro with This Easy Guide

Parisians rely on the RER train network to navigate the city and its suburbs. Mastering the RER unlocks a more authentic travel experience, especially during events like the Olympics. Let's navigate the RER like Parisians! The Paris RER or Réseau Express Régional is a...