L'articolo 23 di Hong Kong: una responsabilità costituzionale o una manovra politica della Cina?

Scritto da Medha Bhagwat

27 marzo 2024

Sala situazioni

Il 19 marzo, i legislatori di Hong Kong hanno approvato all'unanimità una legge sulla sicurezza che ha il potenziale non solo di minare la sua reputazione di hub commerciale internazionale, ma anche di minacciare ulteriormente le libertà nella città governata dalla Cina. Approvata dopo quindici giorni dalla sua presentazione al Consiglio legislativo l'8 marzo, la legge, nota come articolo 23, ha introdotto una serie di nuovi reati di sicurezza nazionale come il tradimento, lo spionaggio, l'interferenza esterna e il furto di segreti di Stato. Alcuni di questi comportano anche pene detentive, fino all'ergastolo. 

Questa legislazione "affrettata" è stata criticata pesantemente e pubblicamente da Paesi di tutto il mondo, come Australia, Giappone, Stati Uniti e Taiwan, tra gli altri. Alcuni di questi Paesi hanno anche aggiornato i loro avvisi di viaggio per Hong Kong, consigliando ai loro cittadini di usare cautela se stanno pianificando un viaggio in questa RAS (Regione Amministrativa Speciale) della Cina. 

Articolo 23 di Hong Kong

Cosa dice la legge? 

Il disegno di legge di 212 pagine, inteso come un tentativo dei legislatori filo-Pechino di "tappare" le falle della sicurezza nazionale, è entrato in vigore il 23 marzo. La legge criminalizza tutto ciò che è considerato secessione, sovversione, terrorismo, spionaggio e interferenze esterne negli affari di Hong Kong. I reati che mettono in pericolo la sicurezza nazionale sono punibili con l'ergastolo. In caso di spionaggio e sabotaggio (compresi gli attacchi informatici) la pena massima è la reclusione fino a 20 anni. 

Oltre a ciò, l'articolo 23 consente anche processi "a porte chiuse". I poteri della polizia sono di conseguenza ampliati per consentire la detenzione dei sospetti fino a 16 giorni senza accusa e per impedire loro di incontrare avvocati. Anche dopo la concessione della libertà provvisoria, l'individuo può subire limitazioni di movimento e di comunicazione. Se si scopre che organizzazioni e aziende "lavorano per forze straniere", può essere loro vietato di operare nella RAS cinese. In questo caso, le forze straniere o esterne possono includere governi stranieri, organizzazioni politiche o individui; chi viene riconosciuto colpevole di aver collaborato con queste forze per interferire con le autorità nazionali e/o locali può essere condannato all'ergastolo.  

articolo 23 a hong kong

Inoltre, in qualsiasi caso di "circostanze impreviste", i legislatori di Hong Kong hanno la piena autorità di creare e punire nuovi reati. Queste regole saranno applicabili anche alle azioni che si verificano al di fuori di Hong Kong (sia da parte dei residenti che delle imprese). 

Altre disposizioni da tenere presenti sono:

  • Trasferimento di alcuni casi da processare nella Cina continentale. Alcuni processi saranno celebrati a porte chiuse (a Hong Kong).
  • Deve essere istituita una commissione per la sicurezza nazionale con un consigliere nominato da Pechino, per far rispettare le leggi. 
  • Il potere ultimo spetta a Pechino per quanto riguarda l'interpretazione della legge. Se la legge è in conflitto con una legge di Hong Kong, la legge cinese ha la priorità. 
  • Le ONG e le agenzie di stampa straniere saranno strettamente monitorate. 
  • Qualsiasi distruzione o danno alle strutture di trasporto pubblico sarà classificato come terrorismo.
  • Coloro che sono sospettati di aver infranto la legge saranno sottoposti a un'intensa sorveglianza e potranno essere spiati anche loro. 
  • Coloro che sono stati giudicati colpevoli ai sensi dell'articolo 23 non potranno più candidarsi a cariche pubbliche.
  • La legge si applica anche ai residenti non permanenti e alle persone "provenienti da fuori Hong Kong che non sono residenti permanenti".  

Situazione attuale a Hong Kong

È importante notare che non è la prima volta che una legge di questo tipo viene introdotta per entrare in vigore. Già nel 2003, i legislatori avevano tentato di approvare l'articolo 23, ma le diffuse critiche dell'opinione pubblica (azioni di protesta da parte di oltre 500.000 persone) hanno fatto sì che venisse completamente accantonato.

Questa volta, però, l'atmosfera a Hong Kong è molto diversa. L'opinione pubblica sembra essersi ammutolita a causa di un giro di vite sulla sicurezza. La maggior parte delle personalità pro-democrazia della città sono in carcere, condannate o accusate in base alla legge sulla sicurezza nazionale del 2020. I rimanenti sono fuggiti all'estero. Di conseguenza, la legislatura di Hong Kong è priva di politici dell'opposizione pro-democrazia. 

Questa volta la consultazione pubblica per le nuove leggi è durata solo 28 giorni, due mesi in meno rispetto al primo tentativo del 2003. Facendo riferimento al feedback ricevuto durante il periodo di consultazione, il governo ha dichiarato che 98% "hanno mostrato sostegno" per la nuova legge e solo 0,7% hanno espresso la loro insoddisfazione. Inoltre, il 22 marzo la legislatura ha convocato sessioni speciali per la prima e la seconda lettura della proposta di legge, che è stata introdotta nel giro di tre ore. 

articolo 23

Questa "accelerazione" è stata sollecitata da John Lee, capo dell'esecutivo di Hong Kong (ovvero il leader della RAS), che ha detto ai legislatori di approvare la legge "a tutta velocità". 

Lee ha poi dichiarato che la legge è necessaria per "prevenire la violenza in abito nero". Questo era chiaramente un riferimento alle massicce e talvolta violente proteste pro-democrazia del 2019, quando centinaia di migliaia di cittadini di Hong Kong hanno marciato per le strade chiedendo una maggiore autonomia dal controllo di Pechino. 

È prevista una terza lettura della legge, ma la data e l'ora non sono ancora state annunciate dalle autorità. 

Reazione globale all'articolo 23

Se da un lato molti Paesi temono che la legge possa infliggere seri danni alla reputazione di Hong Kong come centro finanziario internazionale, dall'altro molti ritengono che possa anche minare i "diritti e le libertà" degli abitanti della città. 

Australia, Giappone, Taiwan, Regno Unito e Stati Uniti hanno espresso con forza la loro opposizione alla legge. Alcuni di essi hanno anche recentemente aggiornato i loro consigli di viaggio per Hong Kong, consigliando ai loro cittadini di usare cautela se si recano nella RAS cinese. In alcuni Paesi sono state avviate azioni di protesta: Australia, Gran Bretagna, Canada, Giappone e Stati Uniti. A Taiwan, decine di attivisti di Hong Kong, Taiwan e del Tibet si sono riuniti in luoghi turistici popolari e hanno denunciato pubblicamente la mossa dell'amministrazione di Hong Kong. 

Non solo i Paesi, ma anche diversi gruppi di difesa e organizzazioni per i diritti umani hanno espresso preoccupazione per alcuni aspetti dell'articolo 23, come l'estensione di reati come l'"interferenza esterna". Secondo la direttrice di Amnesty International per la Cina Sarah Brooks, questo particolare reato ha il potere di perseguire gli attivisti che interagiscono/comunicano con persone o organizzazioni straniere. Indipendentemente dall'argomento della discussione, tale interazione sarà considerata come una "messa in pericolo della sicurezza nazionale". Inoltre, una dichiarazione congiunta rilasciata dal Consiglio per la democrazia di Hong Kong, con sede all'estero, ha chiesto di imporre sanzioni ai funzionari cinesi e di Hong Kong coinvolti nell'accelerazione della legge e di rivedere lo stato attuale degli uffici economici e commerciali di Hong Kong in tutto il mondo. 

"È allarmante che una legislazione così importante sia stata approvata in fretta e furia attraverso un processo accelerato, nonostante le serie preoccupazioni sollevate circa l'incompatibilità di molte delle sue disposizioni con il diritto internazionale dei diritti umani", ha dichiarato l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Turk in un comunicato. 

Risposta da Hong Kong e dalla Cina 

Tuttavia, nonostante le forti opposizioni, le autorità di Hong Kong e della Cina hanno "condannato con forza queste manovre politiche con commenti distorti, distorti dai fatti, allarmistici e di panico". La Cina ha anche continuato a criticare la legge, accusando persino il Regno Unito e l'Unione Europea di essere "ipocriti" e di esercitare "due pesi e due misure". 

Le osservazioni sono arrivate quando il ministro degli Esteri britannico, David Cameron, ha affermato che la legislazione ha compromesso la Dichiarazione congiunta sino-britannica, un accordo vincolante a livello internazionale firmato nel 1984 in base al quale Pechino ha accettato di gestire Hong Kong secondo il principio "Un Paese, due sistemi". 

 "Il Regno Unito ha fatto commenti infiammatori e irresponsabili sulla situazione di Hong Kong... è tutto dovuto alla radicata mentalità da colonizzatore e predicatore", ha dichiarato il commissario per gli affari esteri di Pechino in un comunicato.

A livello nazionale, il ministro della Giustizia di Hong Kong ha dichiarato che i cittadini che si impegnano a ripubblicare ripetutamente e ad esprimere il loro accordo con le critiche provenienti dall'estero saranno considerati colpevoli di incitamento all'odio contro le autorità. 

"Diciamo che in situazioni estreme, se qualcuno ripetutamente ripubblicasse [critiche d'oltreoceano] online e mostrasse di essere d'accordo - e che aggiungesse commenti semplicemente per incitare l'odio di altre persone verso Hong Kong e il governo centrale - allora, ovviamente, ci sarebbero dei rischi", ha detto Paul Lam in un'intervista televisiva. 

Tuttavia, ciò che resta da vedere ora è se questa legge draconiana, come viene definita dai media internazionali, riuscirà a "garantire la prosperità e la stabilità di Hong Kong" o se rappresenterà una sfida profonda all'ordine internazionale, minacciando di deteriorare ulteriormente le relazioni tra la Cina e il resto del mondo. 

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Hop on the RER: Explore Paris Like a Pro with This Easy Guide

Hop on the RER: Explore Paris Like a Pro with This Easy Guide

Parisians rely on the RER train network to navigate the city and its suburbs. Mastering the RER unlocks a more authentic travel experience, especially during events like the Olympics. Let's navigate the RER like Parisians! The Paris RER or Réseau Express Régional is a...

Manage your money: Tips and Tricks for Travelling to Paris

Manage your money: Tips and Tricks for Travelling to Paris

When planning a trip to Paris, one of the most important considerations is how to manage your finances while abroad. While it may be tempting to change money before you leave, there are often cheaper and more convenient options available once you arrive. From using...