Coronavirus MERS in Corea del Sud - Cosa succede?

Scritto da Madeline Sharpe

8 giugno 2015

Salute | Viaggi

Coronavirus MERS in Corea del Sud - Cosa succede?

Oltre 20.000 turisti hanno cancellato viaggi in Corea del Sud. Come mai? E il governo ha ha chiuso più di 1.850 scuole in tutto il paese a causa della preoccupazione dei genitori? Per cosa?

Ciò che sta facendo scalpore sulla stampa e che sta causando un'eccessiva preoccupazione popolare in Corea del Sud è la comparsa di un virus respiratorio chiamato Middle East Respiratory Syndrome Coronavirus o, in breve, MERS-CoV. Questo virus è apparso in Arabia Saudita un paio di anni fa e ha causato gravi polmoniti e spesso la morte, soprattutto negli anziani con condizioni mediche croniche e in alcuni operatori sanitari ospedalieri. Sebbene siano ancora in corso molte ricerche, un paio di cose sono chiare:

  1. I cammelli sono portatori di questo virus, si ammalano leggermente e possono trasmetterlo all'uomo;
  2. Gli operatori sanitari possono essere infettati dai pazienti se non utilizzano un adeguato equipaggiamento di protezione personale;
  3. Le persone che sono a stretto contatto personale con una persona infetta, ad esempio che prestano assistenza, possono contrarre l'infezione.
  4. Questo virus non si trasmette facilmente da persona a persona, se non nelle circostanze appena descritte.

Quasi tutti i casi nel mondo si sono verificati in Arabia Saudita, ma ci sono stati alcuni casi sporadici in altri Paesi attraverso viaggiatori provenienti dal Medio Oriente.

Ok, ora la Corea del Sud. Come è arrivato lì il MERS-CoV? A metà maggio, un viaggiatore d'affari che ha visitato diversi Paesi del Medio Oriente, tra cui l'Arabia Saudita, è stato infettato ed è tornato in Corea del Sud durante il periodo di incubazione. Quando si è ammalato del virus MERS, ha visitato diversi ospedali e alla fine è stato ricoverato. Durante questo periodo, molte persone che lavoravano, visitavano o soggiornavano in alcuni ospedali, compresi gli operatori sanitari che non si erano resi conto che il viaggiatore aveva la MERS, si sono infettati. Di conseguenza, il numero di casi è salito a 87, con 6 decessi.

Quindi, quanto è grande la minaccia? Non molto. In primo luogo, tutti i casi registrati finora sono stati associati a ospedali che si occupavano di pazienti malati; non vi è alcuna indicazione che nella comunità generale si stia verificando una trasmissione estesa da persona a persona. Le autorità sanitarie stanno adottando misure appropriate per contenere la diffusione, ad esempio ponendo ospedali e cliniche in stato di massima allerta, assicurando l'applicazione di adeguate misure di prevenzione delle infezioni e identificando tutte le persone (2.300 finora) che sono state negli ospedali colpiti e mettendole in quarantena nelle strutture sanitarie o a casa. Ogni nuovo caso viene prontamente isolato.

Se non avete contatti personali stretti con una persona infetta, cioè non prestate assistenza o non vi fate curare in uno degli ospedali colpiti, il rischio è praticamente nullo. E non dovete cancellare il vostro viaggio in Corea del Sud. L'Organizzazione Mondiale della Sanità non ha annunciato alcuna restrizione ai viaggi in Corea del Sud.

Nel caso in cui siate ancora preoccupatiEcco come si presenta l'infezione da MERS. I sintomi dell'infezione da MERS-CoV variano dalla quasi assenza di sintomi o da lievi sintomi respiratori a una grave malattia respiratoria acuta e alla morte. L'infezione inizia con febbre, tosse e respiro affannoso. La polmonite è un reperto comune, ma non sempre presente. Sono stati segnalati anche sintomi gastrointestinali, tra cui la diarrea. Una malattia grave può causare un'insufficienza respiratoria che richiede cure mediche avanzate. Può essere una malattia grave e in tutto il mondo sono morti circa 36% dei pazienti affetti da MERS-CoV. Attualmente non è disponibile alcun vaccino o trattamento specifico.

Ma in conclusione: se state pianificando un viaggio in Corea del Sud, nessun problema. Buon divertimento.

Immagine della fonte del coronavirus MERS: http://nvonews.com/

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Israele, Palestina e la vostra copertura assicurativa

Israele, Palestina e la vostra copertura assicurativa

In questo momento, Sitata ha identificato e comunicato con tutti i viaggiatori interessati dagli eventi in corso. Se avete in programma un viaggio in Israele o nei Territori palestinesi nel prossimo futuro, vi informiamo di quanto segue. Il nostro assicuratore, United...

Manifestazioni di agricoltori in tutta Europa 

Manifestazioni di agricoltori in tutta Europa 

Negli ultimi mesi, l'Europa ha registrato un'impennata significativa delle proteste degli agricoltori che hanno provocato gravi disagi nei viaggi. Sono state segnalate azioni di protesta in Francia, Germania, Grecia, Polonia, Irlanda, Svizzera, Portogallo e in molti altri Paesi...