Perché chi viaggia non si becca l'ebola

Scritto da Madeline Sharpe

28 luglio 2014

Salute | Viaggi

Perché chi viaggia non si becca l'ebola

L'epidemia di Ebola che ha colpito 3 Paesi dell'Africa occidentale sta ricevendo molta attenzione da parte dei media, e forse è giusto così, visto che si tratta della più grande epidemia di questa malattia nella storia. E può essere altamente letale se la si contrae; fino al 60% delle persone infettate durante questa epidemia sono morte.

Da quando l'epidemia è iniziata in un'area remota della Guinea lo scorso dicembre, per poi diffondersi in Liberia e Sierra Leone, ci sono stati 1.201 casi con 672 decessi registrati.

Questa infezione virale non è facile da prendere. . . a meno che si entra in stretto contatto personale con una persona affetta dall'infezione. Per contatto personale stretto si intende l'assistenza a una persona malata e il contatto con i suoi fluidi corporei (saliva, vomito, sangue, ecc.). A meno che non stiate tornando in un villaggio per assistere un parente malato o in seguito al suo decesso, non soddisfate questi criteri.

D'altra parte, se siete un operatore sanitario che non è completamente coperto dalla testa ai piedi mentre si occupa di pazienti affetti da Ebola, siete ad alto rischio, e non pochi medici e infermieri sono morti durante questa epidemia a causa della mancanza di dispositivi di protezione.

Un contatto personale ravvicinato significa anche seguire le tradizioni culturali per preparare una vittima deceduta per la sepoltura senza un'adeguata protezione. La persona deceduta può trasmettere questo virus, ad esempio, durante il lavaggio e la manipolazione del corpo.

In linea di principio, quindi, questa malattia dovrebbe essere facile da controllare con semplici misure di sanità pubblica. Basta trovare le persone infette il prima possibile prima che infettino qualcun altro, portarle in ospedale per il trattamento, fornire indumenti protettivi agli operatori sanitari, trovare e mettere in quarantena tutti i contatti e aggirare le tradizionali pratiche culturali di sepoltura con la pronta sepoltura dei defunti. Qual è il problema?

Le sfide non sono mediche, ma piuttosto sociali, culturali e istituzionali. Le strutture sanitarie locali nei Paesi colpiti, ad esempio, sono spesso prive di attrezzature protettive e di capacità di isolamento. Possono diventare luoghi di diffusione del virus.

Spesso la popolazione non ha una comprensione moderna delle malattie infettive e una persona malata può cercare cure inefficaci dai guaritori tradizionali e non essere isolata. Finché la persona non si reca in ospedale come ultima risorsa quando è molto malata, finisce per infettare molti dei suoi familiari più stretti che la assistono. Quando la persona malata arriva in ospedale e vede medici e infermieri in tenuta protettiva completa con occhiali e mascherine, può essere molto spaventata.

Le dicerie sulla malattia, ad esempio che l'hanno introdotta gli occidentali e gli stranieri, sono comuni e spesso dissuadono i malati dal cercare cure. Poiché molte persone sono povere e analfabete, non è facile spiegare come ci si ammala di questo virus e che bisogna cambiare le pratiche di sepoltura radicate e le credenze sbagliate.

È quindi facile capire come, con alcune elementari precauzioni, voi viaggiatori non possiate contrarre questa malattia. È una malattia rara che, negli ultimi 40 anni, ha ucciso complessivamente circa 2.000 persone. È molto meno dei milioni di persone uccise da malaria, colera, morbillo, diarrea, HIV, influenza e molte altre malattie infettive "meno esotiche" in Africa occidentale.

In conclusione, il viaggiatore medio che si reca in Guinea, Sierra Leone o Liberia non deve preoccuparsi dell'Ebola. Ci sono rischi molto più comuni che dovete prendere in considerazione e adottare misure di prevenzione per evitarli.

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Nine Most Common Scams in Paris and Tips to Avoid  Them

Nine Most Common Scams in Paris and Tips to Avoid Them

Paris attracts millions of tourists each year, thanks to its romantic ambiance, magnificent landmarks, and rich history. Unfortunately, like many other tourist spots, the city’s popularity also makes it a hub for various scams that target innocent visitors. These...

Hop on the RER: Explore Paris Like a Pro with This Easy Guide

Hop on the RER: Explore Paris Like a Pro with This Easy Guide

Parisians rely on the RER train network to navigate the city and its suburbs. Mastering the RER unlocks a more authentic travel experience, especially during events like the Olympics. Let's navigate the RER like Parisians! The Paris RER or Réseau Express Régional is a...