Possiamo realisticamente fermare le malattie infettive alla frontiera?

Scritto da Ronald St. John

10 ottobre 2014

Salute | Tecnologia | Viaggi

Possiamo realisticamente fermare le malattie infettive alla frontiera?

Tutti sono piuttosto preoccupati per la possibile diffusione del virus Ebola nel mondo, soprattutto dopo la notizia dei casi in Texas, negli Stati Uniti, e a Madrid, in Spagna. La domanda che spesso ci si pone è perché le autorità non fermano queste persone negli aeroporti o in altri punti di ingresso al loro arrivo.

In realtà ci sono solo tre cose che si possono fare in un punto di ingresso per controllare che le persone non siano malate. Quando ero direttore della preparazione alle emergenze per il Canada durante l'epidemia di SARS del 2003, le abbiamo provate tutte.

1. I questionari

Un questionario obbligatorio per i passeggeri in arrivo su eventuali sintomi e sul loro Paese di origine può identificare le persone che potrebbero essere state esposte o che presentano i primi sintomi di una malattia infettiva. Il problema di questo metodo è che dipende interamente dalla veridicità di chi risponde. Le persone potrebbero decidere di fornire informazioni false per evitare di essere trattenute per ulteriori esami.

Abbiamo provato a farlo in Canada durante l'epidemia di SARS del 2003. Un questionario con 3 domande era obbligatorio per tutti i passeggeri in arrivo. Sono stati compilati 678.000 questionari e 2.478 persone hanno risposto sì a una o più domande. Un'infermiera appositamente formata ha indirizzato ognuna di queste persone per un'interrogazione approfondita e la misurazione della temperatura. Il risultato? Nessuno delle 2.478 persone aveva la SARS. Alcuni passeggeri hanno risposto di sì alla tosse, ma in alcuni casi la tosse era dovuta al fatto che i soggetti erano fumatori abituali.

L'approccio del questionario non è chiaramente efficace.

2. Macchine a scansione termica

È possibile installare una macchina a scansione termica per cercare di individuare i passeggeri in arrivo che potrebbero avere la febbre. Le macchine sono rilevatori a infrarossi che vengono puntati verso i passeggeri all'altezza della testa per rilevare le temperature elevate. Di solito vengono installate lungo il passaggio che porta alla sala d'ispezione doganale. Il motivo è che le macchine sono piuttosto costose e sarebbe proibitivo installarle a ogni gateway per intercettare i viaggiatori mentre lasciano l'aereo.

Sebbene queste macchine siano certamente entusiasmanti per qualsiasi appassionato di tecnologia, presentano una serie di difetti. Innanzitutto, alcune di queste macchine devono essere costantemente ricalibrate quando le condizioni ambientali cambiano nel corso della giornata. Ad esempio, i corridoi molto soleggiati tendono a falsare le misurazioni relative delle temperature dei passeggeri. In secondo luogo, ci sono molte condizioni o situazioni in cui un viaggiatore potrebbe avere un valore di temperatura elevato, ma non essere affetto da una malattia infettiva. Può trattarsi di qualsiasi cosa, da una persona accaldata e sudata mentre attraversa l'aeroporto a una donna in menopausa che ha una vampata di calore. Il punto è che la semplice registrazione di temperature elevate non è necessariamente un modo efficace per individuare le malattie infettive.

Ci abbiamo provato anche in Canada durante l'epidemia di SARS del 2003. Sono state installate macchine per la scansione termica nei 6 aeroporti principali che gestiscono circa il 95% di tutti gli arrivi internazionali. I risultati degli aeroporti di Toronto e Vancouver? Tra le 468.000 persone sottoposte a screening, solo 0,02% (95) sono state indirizzate a un infermiere per ulteriori valutazioni. Nessuno di queste persone aveva effettivamente una temperatura elevata, e tutte sono state scagionate.

3. Supporto sul campo

I capitani delle imbarcazioni (ad esempio aerei e navi) sono tenuti, in base al Regolamento sanitario internazionale, a segnalare alle autorità le persone malate a bordo al punto di arrivo. A questo punto, gli ufficiali di quarantena vengono avvisati e incontrano la nave per valutare la situazione prima che qualcuno possa sbarcare. Oggi gli ufficiali di quarantena sono presenti in molti aeroporti internazionali. Questa misura è stata adottata in Canada e in molti altri Paesi dopo l'epidemia di SARS.

Questo approccio ha perfettamente senso perché l'individuo malato sta già manifestando abbastanza sintomi durante il viaggio da destare preoccupazione. Anche se il passeggero potrebbe avere semplicemente un mal di stomaco o un'influenza, è meglio valutare questa persona e cercare di eliminare la possibilità di una grave malattia infettiva. Se gli addetti alla quarantena sospettano una malattia infettiva grave, il paziente può essere immediatamente isolato per evitare una potenziale diffusione. I passeggeri rimanenti possono essere messi in quarantena o chiedere le informazioni di contatto per ulteriori controlli.

Il grande svantaggio di questo approccio è il costo. È necessario disporre di personale a chiamata. Un agente di quarantena che fa gli straordinari, magari con una retribuzione di rischio, può essere piuttosto costoso. Dato che il numero di persone che vengono effettivamente segnalate è generalmente piuttosto basso, il costo per ogni incidente è piuttosto elevato.

Il problema principale di tutti questi metodi è che non catturano chi potrebbe avere una malattia in incubazione o chi ha adottato misure per ridurre i sintomi.

Periodo di incubazione

Il periodo di incubazione di una malattia è il tempo che intercorre tra la contrazione dell'organismo infettante e la comparsa dei primi sintomi. Nel caso della SARS, i primi sintomi si sono manifestati in media in 10 giorni. Con l'Ebola, il periodo varia da 2 a 21 giorni. La maggior parte delle persone inizia a manifestare i sintomi dell'Ebola tra i 2 e i 5 giorni.

Pensate a quanto potete viaggiare in 48 ore. In qualsiasi parte del mondo. Pensate che sia probabile trovare qualcuno con i sintomi all'aeroporto? Spendere la maggior parte delle risorse nel punto di ingresso potrebbe essere uno sforzo inutile.

Il motivo per cui queste misure non funzionano molto bene è che stiamo cercando di trovare un ago in un pagliaio.

Ecco la sfida. Stiamo cercando di trovare alcune persone che potrebbe hanno l'Ebola tra l'enorme numero di persone che viaggiano in aereo o con altri mezzi. Quanto è grande questo numero? In Canada, nel luglio di quest'anno, ci sono stati 2,6 milioni di passeggeri che hanno attraversato il Paese con i due principali vettori, Air Canada e Westjet. In altre parole, un numero molto elevato di le persone che mese dopo mese vengono in Canadaper non parlare degli Stati Uniti o dei Paesi europei o asiatici. Nel più grande aeroporto canadese, l'aeroporto Pearson di Toronto, i passeggeri sono circa 86.000. in entrata e in uscita da questo aeroporto ogni giorno. Trovare una persona infetta tra tutte queste persone è il proverbiale "ago nel pagliaio".

I funzionari della sanità pubblica affermano che il valore predittivo positivo in una popolazione a bassa prevalenza è quasi nullo. In altre parole, la possibilità di trovare un vero caso positivo di Ebola in un'ampia popolazione che generalmente non ne è affetta è piuttosto bassa. Questo sembra abbastanza intuitivo. In Canada, durante l'epidemia di SARS del 2003, abbiamo stimato che circa 1 passeggero su 1,2 milioni aveva effettivamente la SARS. Pertanto, abbiamo avuto molti falsi positivi perché la probabilità di trovare quella singola persona sul totale era già piuttosto bassa. Questo è il motivo per cui i metodi di screening come i questionari e gli scanner termici in genere non funzionano.

Qual è quindi il modo migliore per individuare e gestire una grave malattia infettiva?

Screening negli ospedali

La maggior parte delle persone si reca all'ospedale più vicino quando inizia a stare male. Il processo di screening più importante avviene al pronto soccorso, dove chiunque deve essere interrogato non solo sulla propria storia di viaggio, ma anche su quella della propria famiglia. Il personale ospedaliero deve essere a conoscenza delle epidemie in corso in tutto il mondo e deve sapere come reagire quando sospetta che un individuo possa essere infetto. Questo singolo punto di contatto è della massima importanza e dovrebbe essere il luogo in cui spendere la maggior parte del nostro tempo e delle nostre risorse.

Cosa ne pensate? Pensate che sia realistico fermare una malattia infettiva al confine? Dovremmo spendere tempo e denaro ai punti di ingresso? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto.

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Nine Most Common Scams in Paris and Tips to Avoid  Them

Nine Most Common Scams in Paris and Tips to Avoid Them

Paris attracts millions of tourists each year, thanks to its romantic ambiance, magnificent landmarks, and rich history. Unfortunately, like many other tourist spots, the city’s popularity also makes it a hub for various scams that target innocent visitors. These...

Hop on the RER: Explore Paris Like a Pro with This Easy Guide

Hop on the RER: Explore Paris Like a Pro with This Easy Guide

Parisians rely on the RER train network to navigate the city and its suburbs. Mastering the RER unlocks a more authentic travel experience, especially during events like the Olympics. Let's navigate the RER like Parisians! The Paris RER or Réseau Express Régional is a...