Diagnosticato il primo caso di ebola fuori dall'Africa occidentale: in atto la quarantena

Scritto da Ronald St. John

6 ottobre 2014

Salute | Viaggi

Diagnosticato il primo caso di ebola fuori dall'Africa occidentale: in atto la quarantena

Una persona proveniente dalla Liberia è volata in Texas per visitare la famiglia e si è ammalata dopo l'arrivo. Si è recato in ospedale ma è stato mandato a casa. Due giorni dopo, la sua malattia è peggiorata e quando è tornato in ospedale si è sospettata un'infezione da Ebola. Il paziente è stato immediatamente messo in isolamento completo per prevenire la diffusione della malattia. all'interno del contesto ospedaliero. Si tratta della prima persona a cui è stata diagnosticata l'ebola al di fuori dei Paesi colpiti dall'ebola in Africa occidentale.

Durante il viaggio non ha manifestato alcun sintomo e, di conseguenza, non ha potuto trasmettere la malattia ai compagni di viaggio o ad altre persone con cui è entrato in contatto durante il tragitto. Il virus Ebola non si trasmette finché non si sviluppano i sintomi dopo un periodo di incubazione che può durare fino a 21 giorni. Anche allora, quando i sintomi iniziano, non si trasmette per via aerea. Per essere infettati è necessario un contatto ravvicinato con il sudore, il sangue, le lacrime, il vomito o la diarrea di una persona.

Prima del ricovero, e mentre era sintomatico, è entrato in stretto contatto con circa 12-18 persone. I parenti più stretti sono stati messi in quarantena a casa loro. Per cautela, sono state contattate circa 100 persone e alcune vengono monitorate. Finora, nessuno di coloro che si pensa abbiano avuto contatti con il paziente ha mostrato sintomi di Ebola.

Con l'epidemia di Ebola in corso in Guinea, Liberia e Sierra Leone, era inevitabile che una persona che stava incubando il virus viaggiasse in un altro Paese e si ammalasse.

In effetti, decine di persone sono state sottoposte a controlli per il virus all'arrivo negli aeroporti di molti paesi diversi. Ad eccezione del caso in Texas, tutti i test sono stati finora negativi. Alcuni dei viaggiatori sono risultati affetti da malaria, un'infezione comune in questi Paesi.

Nei Paesi altamente sviluppati, con sofisticate procedure di controllo delle infezioni negli ospedali, il rischio di diffusione è molto basso, al di là forse di un paio di contatti stretti del caso iniziale. Quindi, la minaccia per la popolazione locale a Dallas o altrove è minima.

Il Organizzazione Mondiale della Sanità ha invitato tutti i Paesi a essere vigili e ad avviare le procedure di isolamento e quarantena più opportune.

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Israele, Palestina e la vostra copertura assicurativa

Israele, Palestina e la vostra copertura assicurativa

In questo momento, Sitata ha identificato e comunicato con tutti i viaggiatori interessati dagli eventi in corso. Se avete in programma un viaggio in Israele o nei Territori palestinesi nel prossimo futuro, vi informiamo di quanto segue. Il nostro assicuratore, United...

Manifestazioni di agricoltori in tutta Europa 

Manifestazioni di agricoltori in tutta Europa 

Negli ultimi mesi, l'Europa ha registrato un'impennata significativa delle proteste degli agricoltori che hanno provocato gravi disagi nei viaggi. Sono state segnalate azioni di protesta in Francia, Germania, Grecia, Polonia, Irlanda, Svizzera, Portogallo e in molti altri Paesi...