Seconda ondata di proteste degli agricoltori; disordini a Delhi - India

Scritto da Harshitha Paderu

28 febbraio 2024

Sicurezza e viaggi

Il 13 febbraio, diversi sindacati degli agricoltori del Punjab, dell'Haryana e dell'Uttar Pradesh hanno rilanciato ampie proteste contro la percepita inazione del governo centrale su questioni di vecchia data. La situazione rimane fluida e le richieste degli agricoltori in protesta non sono ancora state risolte.

La storia

La precedente protesta dei contadini indiani è stata un importante movimento di agricoltori in India, iniziato alla fine del 2020 e proseguito nel 2021. Le proteste erano principalmente contro tre nuove leggi di riforma agraria approvate dal governo indiano nel settembre 2020. Le proteste hanno suscitato un'ampia attenzione sia a livello nazionale che internazionale, con gli agricoltori che hanno organizzato dimostrazioni di massa, sit-in e blocchi stradali, in particolare intorno ai confini di Delhi. 

A causa del fallimento dei negoziati, le proteste sono proseguite fino al 2021. Sotto la crescente pressione delle proteste a livello nazionale, il governo ha accettato di sospendere temporaneamente l'attuazione delle leggi nel gennaio 2021 e ha proposto di sospenderle per 18 mesi.

Cosa sta succedendo ora?

A partire da vasti raduni pubblici a Noida il 7 e l'8 febbraio, gli agricoltori hanno iniziato una marcia di protesta verso il Parlamento di Delhi. Ciò ha portato all'emissione di un avviso di traffico in tutta Gautam Buddh Nagar e all'applicazione della Sezione 144, che limitava gli assembramenti di 5 o più persone. Successivamente, il 12 febbraio, la Sezione 144 è stata estesa a Delhi, limitando ulteriormente gli assembramenti a gruppi di 4 o meno individui e vietando processioni, dimostrazioni, comizi e il porto di armi da fuoco.

Il 13 febbraio, i contadini del Punjab, dell'Haryana e dell'Uttar Pradesh hanno iniziato la loro manifestazione "Dilli Chalo" (Marcia verso Delhi) per rivendicare diverse richieste. I contadini si sono radunati ai punti di ingresso di Delhi e sono entrati in città dai confini di Shambhu, Khanauri, Dabwali, Singhu, Ghazipur e Tikri. Gli agricoltori manifestanti e la polizia dell'Haryana si sono scontrati al confine Punjab-Haryana Shambhu. Le forze di polizia hanno sparato gas lacrimogeni per diversi giorni di fila per disperdere la folla. Molti sono stati arrestati e i veicoli sono stati sequestrati. 

Proteste degli agricoltori delhi

Il 14 febbraio, i confini di Singhu e Tikri sono stati sigillati, con barricate multistrato erette per scoraggiare la protesta degli agricoltori, provocando ulteriori scontri e acuendo le tensioni. Il 16 febbraio, i sindacati degli agricoltori hanno annunciato uno stop a livello nazionale dalle 06:00 alle 16:00 ora locale, con ripercussioni sulle istituzioni pubbliche e private, sulle banche, sui negozi e sui mercati, con la chiusura delle autostrade nazionali e dei confini statali in Punjab e la sospensione dei servizi di trasporto pubblico.

Il 21 febbraio, un agricoltore in protesta è stato ucciso negli scontri al confine tra Punjab e Haryana a KhanauriPunjab-Haryana a Khanauri. La protesta è stata sospesa fino al 23 febbraio. A causa dell'escalation delle tensioni, i servizi internet e di SMS di massa sono stati sospesi in sette distretti dell'Haryana. 

Il 26 febbraio, gli agricoltori hanno organizzato una manifestazione di trattori vicino alla Yamuna Expressway nel distretto di Gautam Buddh Nagar, in Uttar Pradesh. La polizia di Noida ha emesso un avviso di traffico per i pendolari e ha avvertito di una massiccia congestione del traffico in molti punti, compreso il confine tra Delhi e Noida. 

Cosa ci riserva il futuro?

A partire dal 27 febbraio, almeno 5 contadini sono morti tra scontri e altre cause ai confini di Shambhu e Khanauri. Fino al 29 febbraio, i contadini si accamperanno nei pressi di diverse località ai confini interstatali tra Delhi, Punjab, Haryana e Uttar Pradesh. La loro linea d'azione non è ancora stata annunciata. Tuttavia, le sporadiche agitazioni hanno provocato continui ritardi sulle principali autostrade e strade da e per Delhi, a causa della grave congestione causata da elaborate disposizioni di sicurezza, punti di confine sigillati, chiusura di corsie o addirittura strade pesantemente transennate. 

Mentre proseguono i negoziati, al momento non si sa se e quando le proteste si placheranno. Si prevede che l'agitazione persisterà nelle prossime settimane, il che giustifica una maggiore cautela per i viaggiatori nelle regioni interessate. Se viaggiate in questi Stati, prevedete ulteriori posti di blocco e mantenete una comunicazione chiara e trasparente con i funzionari. Pianificate le vostre uscite ed evitate le zone di grandi assembramenti. Prevedere un tempo adeguato per gli spostamenti su strada o prendere in considerazione l'utilizzo di percorsi alternativi per evitare disagi. Seguire qualsiasi altro consiglio delle autorità locali, in particolare durante le ore di coprifuoco. Prepararsi a eventuali interruzioni dei servizi di telefonia cellulare e internet.

Rimanete aggiornati con Sitata Avvisi di sicurezza per i viaggi.  

Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Un'anteprima dei Giochi Olimpici di Parigi 2024

Un'anteprima dei Giochi Olimpici di Parigi 2024

I Giochi della XXXIII Olimpiade, noti anche come Giochi Olimpici e Paralimpici estivi del 2024, si svolgeranno a Parigi, in Francia, dal 26 luglio all'11 agosto e dal 28 agosto all'8 settembre. I tornei si svolgeranno attraverso i luoghi simbolo di Parigi...

Le migliori applicazioni di sicurezza per viaggiatori, donne o bambini

Le migliori applicazioni di sicurezza per viaggiatori, donne o bambini

Prevenire è meglio che curare. Indipendentemente dal fatto che qualcosa vada storto, la preparazione è l'ancora di salvezza. Uscire ed esplorare il mondo da soli può essere scoraggiante ma inevitabile. Che si tratti di un appuntamento di gioco con il proprio figlio, di una gita in campeggio o di un viaggio in solitaria...