Cosa c'è da sapere sulle pandemie

Scritto da Madeline Sharpe

21 ottobre 2014

Salute | Viaggi

Cosa c'è da sapere sulle pandemie

Questa splendida infografica ci è stata inviata dai nostri amici di Hub della scuola per infermieri. Fornisce un'ottima panoramica sulle pandemie e ci piace soprattutto la sezione storica.

Le pandemie sono malattie infettive che si diffondono tra le popolazioni umane in una vasta area, di solito in più Paesi. Il momento esatto in cui una pandemia diventa meno pandemica e più radicata o stabilizzata in una popolazione non è completamente definito. Per esempio, alcuni potrebbero non definire più la tubercolosi una pandemia perché è così diffusa in tutto il mondo, ma i focolai di ceppi multipli e resistenti ai farmaci continuano.

In ogni caso, l'infografica qui sotto evidenzia alcune delle principali pandemie, passate e presenti, ma non dimentichiamo l'HIV e la malaria! Ci sono più di 35 milioni di persone che vivono con l'HIV ed è responsabile di oltre 1 milione di morti all'anno. Ogni anno la malaria infetta tra 200 e 300 milioni e la resistenza ai farmaci sta rapidamente diventando un problema. La malaria è responsabile di oltre 600.000 decessi all'anno.

L'infografica qui sotto è ben studiata e sottolinea l'importanza del monitoraggio delle malattie infettive nel mondo!

Pandemie internazionali
Seguiteci e mettete "mi piace":

Articoli correlati

Israele, Palestina e la vostra copertura assicurativa

Israele, Palestina e la vostra copertura assicurativa

In questo momento, Sitata ha identificato e comunicato con tutti i viaggiatori interessati dagli eventi in corso. Se avete in programma un viaggio in Israele o nei Territori palestinesi nel prossimo futuro, vi informiamo di quanto segue. Il nostro assicuratore, United...

Manifestazioni di agricoltori in tutta Europa 

Manifestazioni di agricoltori in tutta Europa 

Negli ultimi mesi, l'Europa ha registrato un'impennata significativa delle proteste degli agricoltori che hanno provocato gravi disagi nei viaggi. Sono state segnalate azioni di protesta in Francia, Germania, Grecia, Polonia, Irlanda, Svizzera, Portogallo e in molti altri Paesi...